Claude Monet – L’artista. L’uomo.

Il nome di Claude Monet è sinonimo dello stile pittorico impressionista. Distinguibile a prima vista, la sua tecnica era non convenzionale come la sua vita. L'uomo stesso non è mai stato uno che colora all'interno delle linee..”

Nato come Oscar-Claude Monet nel 1840 a Parigi, Francia, Monet si interessò al disegno in tenera età. La famiglia si trasferì nella regione della Normandia quando aveva cinque anni, ed è qui che iniziò a esplorare i suoi interessi artistici. Non amava la scuola e si sentiva limitato da essa. Ha abbozzato praticamente tutto e tutti. Suo padre non era particolarmente favorevole ai suoi interessi artistici, ma sua madre era molto incoraggiante. All'età di 16 anni, però, sua madre morì. Questo fu un duro colpo per il giovane Monet.

Divenne abbastanza noto nella comunità come un talentuoso disegnatore di schizzi. Dopo aver incontrato Eugene Boudin, un artista locale che si concentrava principalmente sulla pittura di paesaggi, il suo stile iniziò ad evolversi. Questo è stato un momento cruciale nello sviluppo del giovane Monet come artista con l'introduzione diall'aria aperta(all'aperto) dipinto di Boudin. Questo divenne una pietra angolare delle opere future di Monet.

Scelse di trasferirsi a Parigi nel 1859 per promuovere la sua arte e si arruolò nel Accademia Svizzera. Poco dopo si è unito alle forze armate ed è stato di stanza ad Algeri prima di essere rilasciato per motivi di salute. Al suo ritorno nel 1862, Monet studiò con un artista di nome Gleyre, che lo presentò ad altri artisti, tra cui Renoit, Sisley e Bazille, con i quali avrebbe sviluppato amicizie per tutta la vita.

Sviluppando la sua arte, spesso dipingendo all'aperto e dell'ambiente che lo circonda, i suoi pezzi sono stati ammessi in diverse mostre d'arte giudicate a Parigi, guadagnando popolarità e critiche. Fu intorno al 1866 che Monet iniziò a dipingere Camille Doncieux, che sarebbe poi diventata sua moglie. Uno dei suoi quadri più famosi,Camille(chiamato anchedonna in verde), l'ha rappresentata, come hanno fatto molti altri pezzi nel tempo. Doncieux e Monet si innamorarono e diedero alla luce il loro figlio, Jean, nel 1867.

Monet ha lottato con la depressione per tutta la vita. Il suo stato finanziario era in costante mutamento e nel 1868 si trovò in uno stato di disperazione opprimente. Suo padre si rifiutò di aiutare lui e la sua amante a causa del figlio della coppia fuori dal matrimonio e della scelta di Monet di essere un artista in generale, considerandolo sia poco pratico che irresponsabile. Monet fu così sopraffatto dalle difficoltà che tentò il suicidio gettandosi nella Siene.. 

Nel 1870 sposò Camille e nel maggio 1871 lasciò Londra per vivere a Zaandam, dove realizzò 25 dipinti (ed era sospettato di attività rivoluzionarie). Fece anche una prima visita alla vicina Amsterdam. Nello stesso anno tornò in Francia. Monet visse dal dicembre 1871 al 1878 ad Argenteuil, un villaggio sulla Senna vicino a Parigi, e qui dipinse alcune delle sue opere più note.

Lui ei suoi contemporanei hanno continuato a contribuire alla comunità artistica in generale. Mostravano regolarmente i loro pezzi, venendo spesso accolti con disprezzo dalla soffocante società artistica di Parigi dell'epoca. Il loro stile di pittura appariva pigro e incompleto. La sua tecnica era quella che rappresentava in modo più accurato la luce naturale e le ombre, ma mentre utilizzava pennelli e tratti molto piccoli, non sembrava mai realistica. Fu in una mostra del 1874 che fu usata la parola impressionista, progettata per criticare la tecnica e le opere risultanti. Ha scelto invece di abbracciare il termine.ead.

Monet era noto per essere estremamente critico nei confronti del proprio lavoro. Oltre alla sua lotta per tutta la vita con la depressione, si dice che spesso sia andato in crisi di rabbia per la frustrazione per pezzi che non soddisfacevano del tutto le sue aspettative. Alcuni hanno affermato che ha tagliato, strappato, preso a calci o bruciato più di 500 opere d'arte.

Durante questo periodo, la famiglia ha continuato a spostarsi da un posto all'altro e ha iniziato a condividere una casa con gli amici Ernest e Alice Hoschede insieme ai lorosei figli. Entrambi gli uomini hanno lottato finanziariamente e, senza concedere ad Alice il divorzio, Ernest ha abbandonato moglie e figli.

Camille diede alla luce il loro secondo figlio, Michel, nel 1878. La salute di Camille stava peggiorando e la gravidanza e la nascita di Michel ebbero un tributo irreparabile sul suo corpo. Alice ha aiutato a prendersi cura di lei, ma ha ceduto a quella che è stata registrata come tubercolosi, nel 1879. Il pezzo di Monet, intitolato Camille sul letto di morte, era proprio questo. Fu colpito dal dolore per la sua perdita.

Entrambi in stato di lutto, Claude e Alice trasferirono i loro figli a Giverny, in Francia, sviluppando alla fine una relazione romantica. Il suo ambiente era sereno e vi trovava conforto. La famiglia stava affittando una casa di famiglia situata su due acri. La proprietà conteneva splendidi giardini, un laghetto e molta ispirazione per le sue opere future.

Questo segna il periodo più produttivo e di successo di Monet. Ha iniziato a trarre profitto dalla vendita dei suoi pezzi e alla fine ha acquistato la casa e la proprietà circostante. Ernest Hoschede morì e Claude e Alice si sposarono nel 1892. Trascorsero il resto dei loro anni a casa di Giverny, ristrutturandola e costruendo un vero e proprio studio. Monet amava in modo eccezionale dipingere la natura controllata: i suoi giardini a Giverny, con le sue ninfee, lo stagno e il ponte. Dipinse anche su e giù per le rive della Senna. Alice morì nel 1911 e Claude nel 1926.

Altri stili e icone

di Vincent van Gogh lo stile unico e immediatamente riconoscibile continua a crescere in popolarità. I suoi dipinti sono pieni di energia, vivacità, spesso usando una tecnica di doppio caricamento del pennello in modo che il tratto su e giù sia diverso, ma leggermente sfumato. Van Gogh ha utilizzato volutamente linee estasianti per riportarti al punto focale.

Leonardo Da Vinci aveva una tecnica chiamata sfumato. In italiano sfumato significa fumoso. Questo effetto si vede in molti dei suoi dipinti, specialmente nella Gioconda. Sfumato si ottiene mescolando e mescolando per creare riflessi che potrebbero essere sottili individualmente, ma se usato in tutto un dipinto, crea un effetto ammorbidente generale.fect.

Michelangelo Buonarroti era principalmente uno scultore. I suoi dipinti avrebbero imitato gli stessi contorni definiti, catturando un'essenza scultorea. Uno dei più grandi dipinti mai creati era di lui, e non su tela; si trova sul soffitto della Cappella Sistina. Michelangelo ha usato magistralmente una tecnica di affresco dipingendo inbagnato Malta. Lavorava febbrilmente spostandosi da una sezione all'altra per evitare che l'intonaco si asciugasse. Il suo lavoro è un'impresa incredibile…

di Rembrandt Van Rijn la tecnica si chiamava chiaroscuro. Anche questo è un termine italiano che significa buio e luce. Rembrandt ha iniziato con una base scura, quindi ha aggiunto la luce, creando spesso risultati drammatici.lts.

Quando si tratta di arte, ognuno ha il proprio gusto e livello di apprezzamento per determinati mezzi, stili, tecniche e artisti. Che sia un fan del moderno o classico, realismo, astratto, surrealismo, impressionismo, ecc. Ammiriamo questi maestri e cerchiamo di interpretare la loro visione. Così tanti artisti sono fraintesi e gravemente sottovalutati fino a ben oltre la loro morte. Troviamo ispirazione nel loro individualismo, dedizione al loro mestiere, spinta alla perfezione e passione assoluta.

Unisciti a noi. Sii un TENLEGEND.™

lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati